Posts filed under 'howto'

Nuovo Mac, brew, mtr e nostalgia degli strumenti da riga di comando

… che non possono mancare anche su un macbook pro di ultimissima generazione!

Rifletto sul fatto che sono passati 4 anni dall’acquisto del mio primo Mac (un Macbook Air da 13″) e non ho mai avuto la necessità di dover formattare, reinstallare ecc. Ricordo di aver fatto qualche tempo fa innalzamento di release per passare a Yosemite, esperienza decisamente diversa dal mondo Windows!

Nonostante tutto sia realizzato per guidare l’utente medio (e forse anche il poweruser) per migrare tutto dal vecchio al nuovo ho deciso di farlo a mano per avere, come raramente capita a causa del tempo, l’opportunità di riorganizzare un pochino le cose, archiviando backuppando ecc.

Rifletto sul fatto che è più o meno dallo stesso periodo che non posto qualcosa sul mio blog, i social network hanno veramente rubato la scena a questo tipo di “user generated content”. Ne approfitto quindi per fissare in questo articolo alcuni link ed utilità da riga di comando che non possono mancare a chi, come me, è passato al Mac ma mantiene vivo per necessità alcuni comandi indispensabili all’ admin di rete che si rispetti!

Più che di necessità dovrei parlare di ricordo nel mio caso, poichè sono dovuto andare a reperire la history di una chat per ricordare che l’utility di cui mi aveva parlato un collega si chiama Brew, e non c’è di default sul MacOS X! E’ evidente che dopo averla installata non ho avuto molte altre opportunità di usarla ma, dato che non si sa mai quando il mio lato network admin esce fuori ho pensato che è meglio averla anche sul nuovo Mac, insieme a Mail, Powerpoint, Acrobat e Word che sono invece gli strumenti del mio lato consulente!

Il sito localizzato in lingua italiana sintetizza perfettamente cosa è Brew: “Homebrew installa quello che ti serve e che Apple non ha installato.”
Infatti, dopo aver provveduto a Brew, ho installato rapidamente il fantastico comando MTR che unisce ping e traceroute insieme in un comando unico!

mtr

mtr

MTR mi da l’opportunità di inserire anche una immagine a questo post, speriamo che nel corso dell’anno riuscirò a postare qualche altra cosa quì… o magari ad operare l’upgrade del wordpress su cui questo sito è basato dato che la notifica di disponibilità aggiornamenti mi sembra proprio che stia facendo l’occhiolino per dirmi… installami!

 

 

Post to Twitter Post to Facebook

Add comment gennaio 29th, 2017

Thunderbird lento e/o instabile? Ci sono due soluzioni!

Se il vostro Mozilla Thunderbird inizia ad andare lento e/o diventa instabile (hang), quasi sicuramente si è corrotto l’indice all’interno del vostro profilo. Ci sono due possibili soluzioni: la prima è eliminare i file msf dal profilo (dopo aver chiuso thunderbird) la seconda è usare il tool ThunderFix. Essendo un po’ tardi e non avendo posta locale gestendo tutto in imap ho seguito la seconda possibilità ed in pochi minuti ho riavuto il mio client email perfettamente funzionante e performante!

Post to Twitter Post to Facebook

Add comment agosto 18th, 2011

sql server express non ascolta sulla 1433

Ma perchè anche le installazioni più “pulite” con i prodotti Microsoft possono nascondere inspiegabili errori/misteri?

Scenario: Macchina Virtuale con S.O. Windows Server 2003 italiano con ultimo livello di Service Pack, patch ed antivirus. Setup Microsoft SQL Server Express 2005 fresco fresco di download dal sito Microsoft, Setup Microsoft SQL Server 2005 Management Studio Express sempre scaricato dal sito Microsoft.

Al termine dell’installazione, che può essere più o meno personalizzata, ritenendo “poco professionale” installare il Management Studio su un server di futura produzione, decido di abilitare le connessioni remote al server Sql mediante l’utility “configurazione superficie di attacco”; avvio anche il servizio SQL Browser che dovrebbe garantire la visibilità del Server SQL appena installato dal client su cui installero il Management Studio… non so bene per quale motivo ma sembra che con la versione Express 2005, a differenza di quanto avveniva con la MSDE, SQL utilizzi un nuovo meccanismo di ascolto su porte dinamiche… (secondo me, per “risolvere” i noti problemi di sicurezza di SQL Server: invece di irrobustire il codice “evitano” la porta 1433 che i molteplici trojan e worm attaccano).

Torniamo all’errore… sicuro che l’abilitazione delle connessioni remote è stata presa in carico dall’SQL Server Express mi appresto a connettermi con l’account SA al server dal mio PC client dotato di Management Studio ed ecco che becco l’errore:

Sqlcmd: Errore : : SQL Native Client Microsoft un errore si è essere verificato mentre stabilisce una connessione al server. Quando si connette a SQL Server 2005, questo errore può venire determinato dal fatto che in base alle impostazioni predefinite, SQL Server non consente le connessioni remote.

Sbalordito dall’errore faccio una ricerca su google e trovo un articolo sulla kb Microsoft utile ma non troppo perchè senza averlo letto avevo già verificato che tutte le operazioni d’ installazione e configurazione effettuate erano già corrette. Trovo qualche altro post su forum ecc. dove consigliavano la disinstallazione e la reinstallazione per risolvere il problema… (metodo Microsoft!)
Dopo aver perso ulteriore tempo per cercare di comprendere l’assurdo motivo di questo errore decido, nonostante il mio scetticismo, a procedere come consigliato… incredibile… ha funzionato!

Non soddisfatto però dalla modalità di risoluzione del problema cerco di replicarlo in un nuovo ambiente tirato su da zero, questa volta però mi accorgo che in corrispondenza dell’avvio del servizio SQL Browser (a seguito della configurazione delle connessioni remote) viene fuori un evento di warning:

La configurazione del protocollo AdminConnection\TCP nell’istanza SQL SQLEXPRESS non è valida.

mah/bha/bho installazione di default su un ambiente nuovo, pulito, patchato ecc. come si fà a giustificare un errore del genere? Ed ecco che tornano in discussione le sopracitate porte dinamiche!

Soluzione:
Il caro e buon vecchio regedit torna sempre utile… per far si che SQL Server Express resti in ascolto sulla 1433 con connessioni remote attive occorre:
1) configurare l’accesso remoto come meglio descritto quì
2) configurare il protocollo tcpip dallo strumentoSQL Server Configuration Manager, avendo cura di specificare la porta 1433 per ogni interfaccia di rete su cui volete che SQL Server sia in ascolto ed avendo cura di rimuovere qualsiasi valore dalla sezione porte dinamiche TCP
3) con regedit editare nel seguente percorso HKEY_LOCAL_MACHINE->Software->Microsoft->Microsoft SQL Server->MSSQL.1->MSSQLServer->SuperSocketNetLib->AdminConnection->Tcp
il valore della chiave TcpDynamicPorts impostandolo su 1434

Magicamente non ci saranno più errori e con un netstat potrete verificare che SQL Server è in ascolto sulla 1433 e che, finalmente, sarà possibile connettersi da remoto all’istanza SQL Server.

…Mai avuti questo genere di problematiche con l’ottimo ed open-source MySQL

Post to Twitter Post to Facebook

2 comments maggio 4th, 2008


Calendar

gennaio: 2018
L M M G V S D
« gen    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Posts by Month

Posts by Category